sidda corsi hccp

Relazione piano di autocontrollo - HACCP

L’HACCP implica da parte delle aziende che preparano o somministrano alimenti la creazione di un sistema di autocontrollo per garantire la sicurezza alimentare e prevenire problemi di salute.

Le procedure scritte presenti nel Piano di autocontrollo devono essere chiare, facilmente applicabili oltre che documentabili e controllabili.

Piano HACCP

sidda firenze corsi haccp

I principi sui quali si basa l'elaborazione di un piano HACCP sono i seguenti:

  • analisi dei potenziali rischi microbiologici per gli alimenti

  • individuazione dei punti in cui possono verificarsi dei rischi per gli alimenti

  • decisioni da adottare riguardo ai punti critici microbiologici individuati, cioè a quei punti che possono nuocere alla sicurezza dei prodotti

  • individuazione ed applicazione di procedure di controllo e di sorveglianza dei punti critici

  • riesame periodico, ed in occasione di variazioni di ogni processo e della tipologia d'attività, dell'analisi dei rischi, dei punti critici e delle procedure di controllo e di sorveglianza

Sopralluoghi e valutazioni

monitoraggio insetti

Per redigere il piano di autocontrollo il nostro incaricato dovrà effettuare sopralluoghi nella vostra struttura al fine di studiare le specifiche necessità e caratteristiche del vostro sistema operativo come il tipo di menù, lo stoccaggio, la conservazione degli alimenti, il piano di pulizie.

Share by: